Camera d commercio di Bolzano
economia = futuro

Origine del latte e del latte usato come ingrediente

Il decreto Mipaaf del 9 dicembre 2016 introduce gli obblighi di etichettatura per il latte e i suoi derivati.

Per tutti i tipi di latte e i prodotti caseari quali: crema di latte (concentrata e non), latticello, yogurt, kefir, siero di latte, burro, creme spalmabili, formaggi latticini, cagliate, latte sterilizzato a lunga conservazione e UHT a lunga conservazione; vanno riportate in etichetta le seguenti informazioni:

  • “Paese di mungitura”: nome del paese nel quale il latte è stato munto
  • “Paese di condizionamento o trasformazione”: nome del paese nel quale il latte è stato munto o trasformato.

Quando il paese in cui sono avvenuti i processi di mungitura, condizionamento o trasformazione sia lo stesso è possibile usare la dicitura: “origine del latte”: nome del paese.
Nel caso in cui le operazioni avvengano in più Paesi membri dell’Unione europea si usano le diciture:

  • “Latte di paesi UE” per l’operazione di mungitura.
  • “Latte condizionato o trasformato in Paesi UE” per le operazioni di condizionamento o trasformazione.

Se invece le operazioni avvengono in più paesi situati all’esterno dell’Unione europea si usano le diciture:

  • “Latte di Paesi non UE” per l’operazione di mungitura.
  • “Latte condizionato o trasformato in Paesi non UE” per le operazioni di condizionamento o trasformazione.

Tale normativa non si applica a prodotti DOP e IGP e al latte fresco per i quali rimane in vigore la normativa precedente al decreto del 9 dicembre 2016.

Il decreto MIPAAF del 28 dicembre 2021 ha prorogato fino al 31 dicembre 2022 l'obbligo di indicazione dell'origine.

Sono state utili queste informazioni?
Nessuna votazione inserita

Contatto

Sportello Etichettatura

0471 945 698 - 660