Camera d commercio di Bolzano
Jolanda Hinteregger Kaser

Jolanda Hinteregger Kaser

È sempre stata la mia passione

Madre, proprietaria di un maso, contadina a tempo pieno, fornitrice di servizi - Jolanda Hinteregger Kaser sapeva già che un giorno avrebbe ereditato il maso di famiglia e ora vive il suo sogno.

Come gestisce lo storico maso Niederhuben a Luson?
Jolanda Hinteregger Kaser: il maso chiuso, che risale al 1703, è un’eredità dagli anni ‘80 e da dieci anni ne sono proprietaria. Anche i miei genitori vivono con noi nel maso. Abbiamo 18 mucche da latte, nove ettari di terreno e 40 ettari di bosco. Mentre io lavoro come contadina a tempo pieno, mio marito Alex lavora presso il Servizio strade. Sia lui che i miei genitori collaborano nei lavori agricoli.

Deve essere molto lavoro, ma non deve fare tutto da sola?
Di lavoro ce n’è sempre, naturalmente. Con i bambini, con i lavori domestici e nel maso, in estate naturalmente più che in inverno. Solo gli animali richiedono cinque o sei ore al giorno. L’agricoltura è un lavoro impegnativo e difficile da gestire senza la coesione e il sostegno della famiglia. Da questo punto di vista è bello potersi suddividere determinati compiti e sapere che in caso di necessità ci si può dare una mano. Sono in grado di guidare la maggior parte delle macchine agricole e prima pensavo di dover fare tutto da sola, ma ora posso anche accettare un aiuto e ammettere a me stessa che il mio fisico ha raggiunto il limite.

Lei offre anche servizi culinari e solo a guardare la Sua homepage viene l‘acquolina in bocca …
Quando i bambini sono diventati più grandi, ho sentito il bisogno di rimettermi in gioco. Così, ho fatto un corso di formazione sul tema “Buffet contadino” presso l’Associazione delle Donne Coltivatrici Sudtirolesi. Abbiamo troppi prodotti per uso personale, ma troppo pochi per la vendita e questo è un peccato. Utilizzarli per il catering, per scatole da asporto per il brunch o per confezioni con prodotti alimentari sembrava l’ideale. All’inizio non ho fatto nessun investimento, ho fatto piccoli passi.

Jolanda Hinteregger Kaser gestisce insieme a suo marito Alex il maso Niederhuben.

E com’è stata la reazione?
Molto positiva, fingerfood e prodotti a chilometro zero sembrano essere richiesti. La consapevolezza delle persone e l’apprezzamento per i prodotti agricoli locali sono molto cambiati negli ultimi anni. Noi trattiamo quasi esclusivamente i prodotti del nostro maso: il latte, la carne, il miele, le noci, la frutta e la verdura a seconda della stagione, facciamo il pane e i krapfen.

Un modello imprenditoriale promettente, quindi?
C’è molto lavoro dietro, che riesco a gestire anche grazie al supporto di mia madre. A volte mi alzo all’una di mattina per rientrare nei tempi di consegna, perché è molto importante per me. Se le richieste dovessero moltiplicarsi, dovremmo prendere in considerazione investimenti adeguati, come ad esempio l’acquisto di attrezzature professionali. Il maso costituisce ancora la mia attività principale e anche la mia passione, ma trovo anche interessanti e soddisfacenti le attività secondarie, soprattutto per l’aspetto sociale. Oltre al catering, tengo anche corsi di pasticceria o workshop nelle scuole con altre contadine nell’ambito del progetto “Sperimentare il cibo di valore”.

Si concede un periodo di riposo?
La mia giornata tipo prevede che mi alzo alle quattro e mezza, poi vado nella stalla, preparo la colazione per i bambini, faccio i soliti lavori per il maso e per la casa e infine vado a letto verso le otto di sera. Solitamente la mia giornata tipo è di 12-14 ore. Non riesco a fare altrimenti, stare sdraiata a oziare non è proprio il mio forte, quindi preferisco uscire nella natura per staccare la spina e ricaricarmi.

Info

Jolanda Hinteregger Kaser, classe 1980, sposata e madre di tre figli la cui età va tra i nove i 15 anni, ha ereditato il maso Niederhuben a Luson. Oltre alle sue attività agricole e domestiche, che richiedono un intenso lavoro di manodopera, la contadina ha seguito le sue passioni creando altre due solide attività, che consistono ad esempio nel tenere corsi di pasticceria o workshop nelle scuole. Non da ultimo, da qualche tempo propone sempre più spesso catering sulla base di prodotti contadini e altri servizi culinari.

Anche questo potrebbe interessarti

Annelies Leitner
Quando un hobby diventa lavoro

Annelies Leitner

Margareth Irsara
Coraggio e determinazione

Margareth Irsara

Le imprese femminili locali hanno gestito bene la crisi.
L’analisi flash dell'IRE

Più imprese femminili in Alto Adige

Contatto

Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile

0471 945 610